EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
Un mondo
complicato
Sempre connessi, online, in comunicazione con l’altra parte del pianeta. Ma che ore saranno? La Referenza 5230 di Patek Philippe offre in un colpo d’occhio 24 fusi orari diversi
DI Valentina Ceriani - FOTO DI Roberto Sorrentino - tecnica di Alberto Uglietti

APERTURA

 
 
 
Tempo medio di lettura: 3' 30''

Dimenticate Riyad e Brisbane: la città dell’Arabia Saudita e quella australiana sono state sostituite rispettivamente da Dubai e da Sydney. Geopolitica? No alta orologeria. è il risiko delle lancette, dove i modelli definiti ora universale, ovvero che indicano più fusi orari, possono vedere aggiornamenti da parte delle Maison delle località che riportano sul quadrante. Nuove mete, nuove destinazioni, nuovi luoghi di interesse, è il mondo che cambia e quello delle lancette non sta certo fermo a guardare… è il caso dell’Ora Universale di Patek Philippe, tra i collezionisti nota anche come Worldtime, un grande classico della manifattura ginevrina, che con la referenza 5230 presenta delle novità.

Tra i 24 fusi orari riportati sul quadrante si notano appunto le due new entry, Dubai e Sydney; mentre Mosca, dopo aver applicato a lungo l’ora UTC+4 si è avvicinata all’Europa occidentale adottando l’ora locale UTC+3. Dunque, basta guardare il proprio orologio per visualizzare in un solo colpo d’occhio alcune delle principali ore del mondo: la Referenza 5230 è un capolavoro meccanico d’alta orologeria capace di stare al passo con un mondo che gira veloce, sempre più globalizzato e connesso. Si fanno affari in ogni continente e si comunica online con persone magari dall’altra parte del pianeta, diventa fondamentale conoscere l’ora locale del luogo con cui siamo in contatto: Patek Philippe con la sua Ora Universale «soddisfa» 24 fusi orari…

 

ESPLOSO

La cassa in oro rosa del Patek Philippe Ora Universale Referenza 5230; in basso, il fondello e la robusta guarnizione, per una tenuta stagna garantita fino a 30 metri di profondità, un valore sufficiente per un orologio di impianto tradizionale. Il movimento a carica automatica, calibro 240 HU, è costituito da 239 componenti e funziona a 21.600 alternanze/ora. Il cinturino in alligatore della Louisiana, con fibbia déployante in oro rosa personalizzata. Il microrotore periferico in oro 22 carati, a carica unidirezionale, si contraddistingue per la Croce di Calatrava. Le lancette in oro rosa di ore e minuti, rispettivamente traforata, con disegno che riprende la forma della costellazione della Croce del Sud, e a losanga. Il ponte del bilanciere che fissa al meccanismo il bilanciere Gyromax, munito di spirale Spiromax. I tre elementi che compongono il quadrante, con la parte centrale con decorazione guilloché e motivo a panier, il disco delle 24 ore con indicazione giorno/notte e i simboli Sole e Luna; il disco delle città. La molla del bariletto, che a piena carica assicura un’autonomia di funzionamento di almeno 48 ore.

 

Le lancette indicano l’ora locale, il nome della località è indicata dalla piccola freccia rossa a ore 12. Le ore degli altri 23 fusi orari si leggono sul disco delle 24 ore. Quando si arriva in una nuova città, con un fuso orario differente da quello di «casa», bisognerà per prima cosa regolare il proprio orologio: nella Referenza 5230 è sufficiente premere il pulsante a ore 10 il numero di volte necessario a posizionare al di sopra del triangolino rosso la nuova località. Contemporaneamente, a ogni pressione, la lancetta delle ore avanza di un’ora, mentre il disco bianco delle città e quello 24 ore, con indicazione giorno/notte mediante il colore e i simboli del sole e della luna, tornano indietro di uno scatto in senso antiorario.  

 
 
Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui