Parata di motoscafi d’epoca sul Lago Maggiore

Il fascino delle imbarcazioni in legno pervade le acque che bagnano Arona e Stresa per festeggiare i 30 anni dell’Asdec

DI Andrea Bertuzzi
Tempo Medio Di Lettura: 34' 35''

Una grande parata davanti a Stresa, una flotta di scafi a motore costruiti in legno dai più importanti cantieri navali a partire dagli Anni ’30: il Lago Maggiore ha ospitato il Raduno Motonautico Internazionale che ha celebrato il trentennale dell’Asdec, l’Associazione scafi d’epoca e classici fondata nel 1987 con lo scopo di riunire tutti gli appassionati di scafi da diporto e da lavoro a motore, a remi e a vela.

 

 

Imbarcazioni in legno, varati da storici cantieri come Riva, Chris Craft, San Marco, Timossi, Colombo e Boesch, provenienti dall’Italia, Francia, Inghilterra, Germania, Belgio, Corsica e Svizzera, sono stati ospitati presso il Verbano Yacht Club di Stresa, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore e per quattro giorni hanno animato queste acque. Nel momento clou della manifestazione, la flottiglia dei motoscafi d’epoca ha incrociato le barche a vela d’epoca dell’Avev (Associazione vele d’epoca Verbano) accorse per omaggiare l’Asdec, mentre le Jaguar storiche si facevano ammirare sul lungolago e una squadriglia di velivoli storici sorvolava la zona.

 

 

 

L’imbarcazione Ciao, un motoscafo modello 580 Acapulco costruito dal cantiere svizzero Boesch nel 1971, ha vinto la gara di regolarità, seguita da Pina del 1968, un San Marco modello Costa Azzurra Fisherman proveniente da Catania, premiato anche come scafo giunto dalla località italiana più distante dal Lago Maggiore. Al terzo posto Ibe III, costruito dal cantiere romagnolo De Cesari nel 1954 appositamente per partecipare al raid Pavia-Venezia. Tra le altre barche premiate e ammirate il Chris Craft modello Cobra Bal-Ami del 1955, proveniente dall’Inghilterra, il runabout francese Iran del 1948, il veloce Max 2 del 1966, che con i suoi 4,20 metri è stata la più piccola barca partecipante, e Gwennili III, un altro Chris Craft del 1930 considerata una delle più belle barche a motore oggi naviganti.