EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE

La stoffa degli

orobici

Alacrità bergamasca, una fida squadra, un tocco tecnologico e un rapporto qualità-prezzo unico. Così la camiceria Massimo Conforti cuce su misura in uno storico distretto del settore

DI Alessandro Botrè - FOTO DI Stefano Triulzi
Tempo medio di lettura: 4' 15''
camiceria conforti bergamo

Massimo Conforti, patron dell’omonima camiceria di Treviolo (Bergamo)

Fino a qualche anno fa la provincia di Bergamo era un importate distretto di camiceria, come Napoli. C’erano tantissime aziende. Poi alcune hanno chiuso, altre sono andate a produrre in Romania, e fra queste molte se ne sono pentite: oggi ciò che paga è la qualità.

Tra gli imprenditori rimasti a presidiare il territorio premendo sempre più sull’acceleratore c’è Massimo Conforti, che tuttavia è di origine bresciana. Ha rilevato una ditta quattro anni fa, dal vecchio proprietario le cui tre figlie avevano preso strade diverse, forte della sua esperienza nel settore in quanto vendeva già abiti e camicie su misura a Brescia. L’azienda si trova nell’area industriale di Treviolo, paese una manciata di chilometri a sud ovest di Bergamo, e ha un proprio fascino: è infatti costituita da un’unica, enorme e alta stanza, parte di un complesso commerciale, dove avvengono tutte le fasi di lavorazione. In un angolo, entrando a sinistra, la scrivania del titolare, a destra quella del tagliatore e modellista. Per il resto del laboratorio si susseguono i tavoli per il taglio, gli scaffali dei tessuti e i banchi delle sarte, le quali il giorno della nostra visita erano in quattro, ma possono essere anche qualcuna in più a dipendenza della mole di lavoro. A prendere le misure ai clienti e a scegliere con loro i tessuti è Conforti stesso, e nella maggior parte dei casi lo fa a domicilio, servizio che offre con piacere, così come la consegna della camicia finita. «Normalmente con un nuovo cliente faccio un solo capo come primo approccio », racconta, «anche se spesso ha fretta di ordinarne di più. Ne cuciamo comunque al massimo due, aggiustiamo il tiro e poi procediamo con le successive». Può accadere infatti che il cliente si senta comodo con una camicia, senza però notarne dei difetti tecnici: per questo Conforti consiglia sempre di effettuare un paio di lavaggi e poi tornare, dandole il tempo di assestarsi all’80%. In questo senso applica un ulteriore accorgimento, ovvero prevede per la prima camicia collo e polsini un filo più larghi, per prevenire eventuali restringimenti. Sarà lui, non di rado molto più solerte di chi la indossa nel ricercare la perfezione, a correggere eventuali inestetismi. Dalla presa dell’ordine alla consegna della camicia passano un paio di settimane: in genere non si fanno prove intermedie, ponendo grande attenzione durante la misurazione, riferendo al modellista eventuali particolarità fisiche e richieste del cliente.

camiceria conforti bergamo

camiceria conforti bergamo

Al proposito, la clientela è quasi interamente bergamasca e bresciana: avvocati, commercialisti, consulenti finanziari, imprenditori e manager. Continua Massimo Conforti: «Si rivolge a una camiceria su misura chi è abituato al bello. Alcune persone, pur volendo vestire bene, hanno l’idea che anche con una camicia mediocre si possa comunque fare una buona impressione: in verità la camicia mediocre la si riconosce subito e tante volte si consuma prima. Una buona camicia può durare una vita, dipendentemente dall’uso che se ne fa e da come la si tratta, specie con i tessuti di qualità. Io consiglio sempre di non lavarla mai oltre i 40 gradi, di centrifugarla a bassi giri e di non metterla in asciugatrice». I tessuti proposti sono Canclini, Ibieffe, Alumo, Albini, Thomas Mason. Le cuciture vengono fatte con maestria a macchina, anche se le sarte sono in grado di svolgere qualsiasi finitura a mano su richiesta: asole, giromanica, attaccatura del collo. Le fasce di prezzo dipendono esclusivamente dal tipo di stoffa: i tessuti convenzionali sono titoli 100 e 120 a 2 della Ibieffe, per camicie da 100 euro; ma se si scelgono il 200 o 300 a 2, oppure sul Cashmerello di Alumo, si sale fino a 300 euro. Il rapporto qualità-prezzo è dunque elevato, anche visto il servizio che offre il titolare, sempre pronto a saltare in auto per prendere misure e consegnare camicie. La soddisfazione dei clienti è tale che, dietro numerose richieste, Conforti ha iniziato una collaborazione con una sartoria di Parma per fornire giacche e abiti.camiceria conforti bergamo

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui