EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
Come vola
il tempo
In scena una teatralità che fa della sua bellezza il meccanismo perfetto dello scorrere delle ore e dei minuti. Un’architettura e una scheletratura di elementi che raccontano l’eccellenza estetica e tecnica del Tambour Moon Tourbillon Volante Punzone di Ginevra di Louis Vuitton
DI Valentina Ceriani - FOTO DI Roberto Sorrentino - Alberto Uglietti

Tempo medio di lettura: 3' 55''

Va in scena uno spettacolo magico, appannaggio di un numero ristretto di Maison che delineano un’assai esclusiva nicchia all’interno della già elitaria alta orologeria. è la danza del tempo, che fluttua nel vuoto; appare sospeso in un gioco di trasparenze. Scorrono le ore e i minuti tra le scheletrature dei ruotismi.

 

Una struttura perfetta sospesa tra il rigore di codici architettonici e il guizzo della fantasia che non teme di osare a volte anche l’impossibile. Perché questa è lorologeria, dove la bellezza di un segnatempo si completa di un lato estetico e di uno tecnico. Prima gli occhi e poi il cuore, a volte insieme. Come per il Tambour Moon Tourbillon Volante Punzone di Ginevra di Louis Vuitton, dove ciò che chiede di essere ammirato è l’eccezionale quadrante che poi è al tempo stesso il movimento dell’orologio.

 

Una scenografia d’autore, dicevamo, e un prodigio della tecnica: quando l’alta orologeria incontra la creatività, ecco che si toccano i vertici dell’eccellenza. La cassa in platino da 42,5 mm di diametro del nuovo Tambour Moon Tourbillon Volante ospita un quadrante che si presenta con un’architettura molto interessante, che si struttura attorno al cerchio e contemporaneamente a una costruzione lineare. Tre cerchi sono disposti lungo una linea verticale: a ore 12 il bariletto che contiene la molla di carica è cesellato con il nome del marchio.

 

 

 

Al centro ritroviamo le ore e i minuti, al sei la gabbia del tour-billon la cui estetica si ispira al Monogram di Louis Vuitton. Questo singolare allineamento offre un’estetica che si basa sulle trasparenze create dalla scheletratura del movimento, con il bilanciere e la gabbia del tourbillon che sembrano fluttuare nel vuoto come se fossero privi di peso.

 

 

Louis Vuitton Tambour Moon Tourbillon Volante Punzone di Ginevra | louisvuitton.com

 

Il movimento è stato progettato e sviluppato all’interno della Fabrique du Temps, un atelier orologiero fondato a Ginevra e specializzato nella progettazione e produzione di meccanismi dagli standard tecnici molto elevati come il tourbillon e il minute repeater, acquisito nel 2011 da Louis Vuitton. Il Tambour Moon Tourbillon Volante Punzone di Ginevra è l’ultima espressione in ordine di tempo della collezione Tambour creata nel 2002, con il calibro a carica manuale LV 97 reinterpreta la complicazione del tourbillon garantendo comunque facilità di utilizzo, con 80 ore di riserva di marcia, una rarità per questo tipo di calibro.

 

1. Il fondello, serrato alla cassa mediante sei viti, assicura la tenuta stagna fino a 50 metri di profondità. 2. Il calibro LV 97, meccanico a carica manuale, è costituito da 160 elementi (17 rubini). Il sistema bilanciere-spirale, contenuto nella gabbia mobile del tourbillon, oscilla alla frequenza di 21.600 alternanze orarie. 3. La cassa in platino. 4. Il cinturino in alligatore della Louisiana di colore nero, con fibbia ad ardiglione in platino personalizzata.

 

L’orologio, che si fregia del Punzone di Ginevra, si offre alle diverse personalizzazioni: per esempio, il futuro proprietario può chiedere che vengano incise le sue iniziali su uno dei ponti del movimento. Il modello sarà consegnato con un certificato rilasciato dal Geneva Seal Office, recante anche il nome del proprietario.

 

Due componenti del tourbillon riproducono il disegno Monogram, simbolo della Maison. 6. I coperchi del bariletto recano traforato il nome Louis Vuitton. 7. Il simbolo del Punzone di Ginevra è coniato su uno dei ponti scheletrati del calibro LV 97. 8. La platina, su cui poggia l’intero sistema meccanico del segnatempo. 9. La molla di carica, per un’autonomia di funzionamento di 80 ore.

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui