EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE

El Rey del Mundo qualità gloriosa dal passato

Lo Choix Suprême si distingue da ogni altro Hermoso per la sua singolare, originale palette aromatica, tipica del brand El Rey del Mundo. Da fumare anche a metà mattina

DI Giuseppe Elefante
Tempo medio di lettura: 3' 30''

Esplorando la vastissima produzione cubana è possibile imbattersi in prodotti di marche meno conosciute, il cui glorioso passato e la cui eccellente produzione vengono sovente ignorati da molti appassionati: il brand El Rey del Mundo rappresenta certamente uno degli esempi più eclatanti di tale ingiustificato oblio. Fondata nel 1848 dal tedesco Emilio Ohmstedt, creatore anche del brand Sancho Panza, la marca venne rilevata intorno al 1870 dallo spagnolo Antonio Allones, il quale portò la manifattura, ubicata al civico 852 di calle Padre Varela a L’Habana, a livelli di notorietà straordinaria in virtù dell’eccellente qualità dei manufatti che vi erano prodotti. Si pensi che nel decennio tra il 1940 e il 1950 i sigari di El Rey del Mundo erano «los puros más caros del mundo», ovvero i sigari più costosi, ambiti dalla clientela più abbiente e raffinata, e non è certamente un caso che nella medesima manifattura venissero prodotti anche i sigari di marchi assai rinomati come La Flor de Rafael González, Sancho Panza e Don Candido.

 

La fama di El Rey del Mundo, brand dal nome certamente altisonante, iniziò tuttavia a conoscere un lento declino a partire dagli anni 80, quando il suo gusto elegante, dalla forza medio-leggera, fu progressivamente abbandonato dagli appassionati in favore di sigari dal sapore più forte e intenso; ancor oggi la marca vanta quote di mercato piuttosto ridotte, ma la sua produzione nel corso del tempo è rimasta ancorata a livelli di grande qualità e di straordinaria eleganza. Tra le referenze che hanno fatto parte del vitolario della marca e che possono essere annoverate quali autentiche icone della produzione cubana ricordiamo il Grandes de España (Delicado, RG 38×192), il Lonsdale (Cervantes, RG 42×165) e il Tainos (Julieta2, RG 47×178), sigaro di sontuosa quanto delicata aromaticità, ricercatissimo da parte dei più esperti conoscitori sul mercato del vintage e considerato ancor oggi manufatto emblematico del gusto e dell’aroma cubani.

 

CHOIX-SUPREME-C-48-L-127

Floreale e delicatamente speziato, rifugge dalla spigolosità dei manufatti freschi. il bilanciamento è perfetto.

 

Nonostante la scomparsa di moduli tanto gloriosi, la marca riesce ancora oggi a mantenere il suo fascino unico e la sua indiscussa qualità grazie alla presenza di un modulo che continua a mietere grande consenso presso gli amanti del gusto soave e delicato anche per effetto di un formato in grado di assecondare l’attuale trend produttivo. Il sigaro in questione è lo Choix Suprême, un Hermoso No. 4 (RG 48×127) le cui misure sono assimilabili a quelle di un Robusto. Questa vitola, ancor oggi assai amata dal grande pubblico per l’eleganza nelle proporzioni e per il generoso volume di fumo che è in grado di offrire, vanta nel vitolario cubano esponenti di grande spicco come l’H. Upmann Connoisseur No. 1, il Romeo y Julieta Exhibition No. 4 e il Saint Luis Rey Regios. Lo Choix Suprême, tuttavia, si distingue da ogni altro Hermoso per la singolare, originale palette aromatica tipica del brand El Rey del Mundo. Confezionato in habilitadas da 25 pezzi (la Slide Lid Box da 50 unità è ormai fuori produzione dal 2006) e venduto al prezzo di 11 euro, il sigaro si presenta in una forma solo lievemente box-pressed, con fasce colorado dai riflessi bruno-dorati, ben tese e uniformi.

 

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui