Emozioni
Suv misura
DI Alessandro Botrè
7' 40''

Una delle caratteristiche del concetto di «qualità» è quella di consentire a un oggetto di svolgere la propria funzione in modo non solo egregio, ma anche fluido e discreto, come se fosse la normalità. È la netta sensazione che si prova alla guida della nuova Porsche Cayenne, terza generazione del Suv nato nel 2002, con un patrimonio di oltre 770mila unità vendute. D’altra parte non può essere che così, considerato che Ferry Porsche amava affermare: «Attribuiamo maggior valore alla qualità che alla quantità delle vetture che costruiamo». Un pensiero che è rimasto ben presente nella tradizione e che ritroviamo nella Cayenne, auto contemporaneamente sportiva e fuoristrada, e anche qualcosa di più.

Sopra, particolare dell’abitacolo della Porsche Cayenne (da 80.500 euro). La qualità della finitura e dei pellami i si abbina con coerenza al tessuto principe di Galles di Vitale Barberis Canonico: spicca il display da 12,3” del Porsche Communication Management, intuitivo e personalizzabile.

Ma questo ce lo aspettavamo. Le abbiamo fatto fare allora qualcosa di diverso: renderla protagonista in un contesto prettamente maschile. Eccola dunque prestare le sue forme e la sua eleganza al cospetto di una sartoria milanese che non ha bisogno di presentazioni, A. Caraceni, per sottolineare due concetti: la sportività del veicolo, che trova un parallelo con i magistrali abiti della bottega, con i quali «si può tirare di scherma», e la sua sartorialità, dato che Porsche offre ai propri clienti un vasto servizio di personalizzazione degli interni.

Carlo Andreacchio, titolare della sartoria A. Caraceni, con il figlio Massimiliano.

L’eccellenza artigianale che si può trovare nel farsi realizzare un abito dalla celebre sartoria milanese trova un contraltare in una dimensione obbligatoriamente industriale e complessa come quella della produzione di un’auto.

Stiratura di una giacca e Montatura di un davanti.

Nel nome della manualità: con ago e filo il sarto riporta nella foggia, tipologia e tonalità dei tessuti la personalità di chi lo indossa, alla Porsche Exclusive Manufaktur le mani dell’uomo sono il bene più prezioso perché sono spesso gli unici strumenti capaci di rispondere ai requisiti della Casa, per esempio, per le operazioni di rivestimento in pelle, verniciatura e lucidatura, per quelle di taglio e cucitura, nonché per il montaggio. Ecco dunque pacchetti interni con cuciture decorative e fasce centrali dei sedili in pelle in colore a contrasto o tappetini personalizzati bordati in pelle che assecondano la personalità di chi guida Cayenne.

Saliti a bordo e superato l’iniziale impatto da «astronave» che il suo cockpit comunica, irto di informazioni e indicatori pur intuitivi, ci si lascia trasportare da una serie di sensazioni. Dato che parliamo di una Porsche, non possiamo esordire che con quelle motoristiche. La versione che abbiamo provato è equipaggiata con un propulsore V6 turbo da 2,9 litri a benzina che eroga 340 cavalli capaci di portarla da 0 a 100 all’ora in 6,2 secondi (5,9 con il pacchetto Sport Chrono) e fino a 245 km/h. Cayenne S e Turbo montano invece un V6 biturbo da 440 cv e un V8 biturbo da 550 cv, anch’essi a benzina. Per tutte il nuovo cambio Tiptronic S a otto rapporti, che garantisce tanto un’accelerazione armonica in modalità automatica quanto dei rapidissimi cambi di marcia in sequenziale. È una melodia il canto di questo propulsore, tanto più che il resto dei rumori esterni rimane ovattato grazie a una delle nuove, numerose dotazioni opzionali: la vetratura stratificata isolante e termoacustica, studiata ad hoc per riflettere i raggi ultravioletti e respingere tutti i rumori tranne il rombo del motore, che resta ben godibile. E se parliamo di isolante non può non venire in mente quello termico, anche a temperature molto basse o molto alte, della lana Tasmania, uno dei molteplici nobili tessuti impiegati dalla sartoria A. Caraceni, che vanta pure una traspirabilità esemplare e lascia così respirare il corpo.

Il funzionale volante rivestito in pelle della nuova Cayenne dà accesso a numerose funzioni, come i diversi assetti di guida,

La scocca della nuova Cayenne, realizzata con una struttura mista di acciaio e alluminio, pesa fino a 135 kg in meno di quella della precedente generazione. Per il resto, laddove conforme ai requisiti tecnici, viene utilizzata materia plastica riciclata. La vettura può

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui