EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
A lume
di cristallo
La mise en place come ritrovata arte maschile per sedurre nell’intimità di una cena domestica
DI Mattia Schieppati
mise_1

Mise en place della collezione Home di Stefano Ricci.

 
Tempo medio di lettura: 2' 30''

Invitarla fuori a cena e scegliere con cura il locale per la serata perfetta? Troppo facile. Le cose cominciano a complicarsi quando si sceglie di giocare «in casa». Ovvero quando il luogo scelto per una cena (o un pranzo) a due sta tra le pareti domestiche, e quindi oltre al savoir-faire personale da bravi padroni di casa siamo chiamati a mettere in campo anche quella raffinata arte dell’accoglienza che trova il suo culmine nell’allestimento della tavola. Quella cura della mise en place che, dallo sfarzo delle corti rinascimentali in poi, rappresenta una vera e propria arte destinata a professionisti dell’hôtellerie, ma che può essere tradotta con intelligenza, grazie e, perché no, anche con qualche nota personale, in ambito domestico.

 

«Terminati gli studi all’istituto alberghiero, ho cominciato il mio percorso di carriera da semplice cameriere», racconta Ezio Indiani, general manager del Principe di Savoia di Milano, «e il mio tutor di allora mi ha messo a parte, immediatamente, di una regola chiara: allestita una buona mise en place, il 50% del lavoro è praticamente fatto. Questo vale a livello professionale, alberghiero, ma posso dire che vale anche quando si ospita a casa propria».

 

mise_2

Mise en place firmata Richard Ginori: decoro geometrico per la collezione Catene (piatto pane 53 euro, coppetta 43 euro, piatto fondo e piatto piano 68 euro l’uno, piatto dessert 60 euro, segnaposto 89 euro). Cristalli della collezione Baronetto (tumbler acqua 78 euro, calice acqua, calice vino rosso e flûte 104 euro, per tutti il set da 2 pezzi). Posate della collezione Athena in alpacca (forchetta 138 euro, coltello 218 euro, cucchiaio 138 euro, forchetta frutta 118 euro, coltello frutta 196 euro, per tutti il set da 2 pezzi). Stella segnaposto (29 euro) e pendente (39 euro) della collezione Les Merveilles.

 

Certo, non è un’arte da tutti, e soprattutto non può essere improvvisata. La tavola, quando si mira alla perfezione, è come una scacchiera: ci sono posizioni di rigore per la disposizione dei pezzi, ci sono tanti elementi in gioco di cui tener conto (stoviglie, biancheria, posate, bicchieri, ma anche gli accessori da tavola, dalla saliera alla zuccheriera, le decorazioni floreali…) perché si troveranno poi a interagire nel corso di tutta la cena, tra loro e con le necessità degli ospiti. «Nella ristorazione professionale ci sono due strade», spiega Indiani…

 
Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui