EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
Ho guidato
il futuro
È iniziata una nuova era delle auto sportive, nel segno dell’elettrico e di prestazioni superiori. La scossa arriva da Bmw con la i8, provata in esclusiva da Arbiter.
DI Franz Botré

bmw_i8_franz_botre

Tempo medio di lettura: 1' 55''

 

 

Se c’è una cosa che adoro fare nella vita è guidare. Posso essere stanco, avere mille pensieri, essere inferocito con il mondo ma, quando mi metto al posto guida, osservo il cruscotto e i comandi perché mi diventino immediatamente familiari, sistemo il sedile più in basso possibile, regolo il volante a modo mio (chi mi conosce sa delle due spanne di distanza dal naso al centro dello sterzo), allaccio la cintura e chiudo lo sportello, beh, in quel momento inizio a vivere. Cerco di entrare in sintonia con il mezzo, diventando un tutt’uno con lui. Non sempre «la magia» si compie, qualche volta la scintilla non scocca.

 

Come succede in tante coppie, si creano fatali incomprensioni: così, per esempio, non capisco perché il motore vada in coppia così alto, perché lo sterzo reagisce così in ritardo o perché quei cavolo di freni, dopo tre staccate impegnative, sotto curva, non lavorino più come dovrebbero. E poi perché su un curvone veloce, e quando dico veloce vuol dire veloce, tocco leggermente il freno col piede sinistro, tenendo il destro a fondo, per portare la vettura in traiettoria ottimale, l’elettronica intelligente diventa deficiente? Vogliamo anche parlare del cockpit? Deve essere confortevole, ma non troppo, altrimenti rischi di addormentarti. E la linea della vettura? Bella, piacevole, filante, con un posteriore che meriti ancora di essere chiamato «bel culo». Ecco, se alcuni di questi elementi non mi appagano, mi disinnamoro di quella macchina.

 

Tutto questo è rimasto valido fino a cinque anni fa. Oggi, 2014 e 41 anni di patente quasi ininterrotti (due pause per sospensione), oltre a quelle considerazioni bisogna tener conto della nascita di una presa di coscienza ambientale per l’automobile quindi la macchina va ideata e realizzata anche in una chiave ecosostenibile.

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui