EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
Saziante
bellicosità
La forma che ricorda un proiettile e l’originaria forza espressa nella fumata contribuiscono a chiarire il perché del suo nome: Bolívar Belicosos Finos
DI Giuseppe Elefante

Tempo medio di lettura: 3'

olívar è l’unica tra le marche cubane a riportare sull’anilla l’effigie del personaggio che le diede il nome. Il brand è infatti dedicato alla leggendaria figura di Simón Bolívar, generale venezuelano (1783-1830) definito «El Libertador» proprio in onore al fondamentale ruolo che svolse nel processo di liberazione dell’America latina dal dominio coloniale spagnolo. La data di fondazione della marca si fa risalire al 1902, ma venne ufficialmente registrata dal commerciante spagnolo José Fernández Rocha solo nel 1921. Nonostante Rocha tenesse molto a evidenziare in ogni dettaglio la qualità dei suoi manufatti, agli esordi Bolívar non figurava tra i marchi di maggiore prestigio; la cura nella scelta dei formati, delle foglie e della presentazione, a dispetto di una apparente semplicità, ha invece sempre rappresentato uno dei punti di forza del brand: basti pensare che per la stampa delle anilla e delle litografie era necessario un contenuto di polvere d’oro superiore a quello di qualsiasi altro brand cubano. Nel 1954 la marca entrò a far parte della scuderia Cifuentes che acquisì anche La Gloria Cubana, l’altro brand di cui Rocha era proprietario; la produzione venne quindi trasferita nella fabbrica Partagás, dove tuttora vengono realizzati tutti i Bolívar.

 

L’avvento dei Cifuentes coincise con il crescente successo della marca e dapprima furono gli inglesi, da sempre raffinati intenditori dell’habano, ad apprezzare maggiormente le qualità e l’inconfondibile gusto di manufatti destinati ad appassionati esperti, i soli in grado di imbrigliarne il gusto pieno e vigoroso. Dal 1995 la marca ha subito una rimodulazione della forza acquisendo una maggiore amabilità e favorendo quindi la fruizione da parte degli amatori meno avvezzi ai sigari di grande potenza. Quali siano le ragioni che hanno reso questo marchio così particolare nel gusto è un segreto che i maestri ligador custodiscono gelosamente; in ogni caso, quale che sia la particolarità delle liga di Bolívar, è certo che i suoi manufatti figurano tra quelli con il migliore potenziale di affinamento e, nelle aste dedicate al vintage, vantano sempre quotazioni piuttosto elevate. Un tempo il vitolario standard di Bolívar era assai ampio, ricco di referenze di grande fascino; nomi come Inmensas, Corona Gigante o Corona Extra richiamano alla memoria degli appassionati più esperti ricordi indelebili.

 

Tra i pochi superstiti della raffinata produzione di Bolívar possiamo annoverare il Belicosos Finos, un Campana (RG 52×140) già in produzione sin dall’epoca della rivoluzione castrista e che riflette appieno la tipicità del brand in un formato che vanta una straordinaria godibilità. La somiglianza del manufatto a un proiettile, unita alla originaria forza espressa durante la fumata contribuiscono a chiarire il significato del suo apellido de galera. 

 

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui