EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE

LABORATORIO

DI VALORI

Modellistica, vestibilità, ricerca estetica, stile british e un raro rapporto tra qualità e prezzo. Così la camiceria romana Teodori Lab conquista i giovani

DI Alessandro Botrè - FOTO DI Stefano Triulzi
Tempo medio di lettura: 1' 45''

Se il laboratorio è notoriamente un locale dove si attende ai lavori di un’arte o mestiere, la sua essenza profonda è svelata dalla radice indoeuropea «labh», da cui deriva il termine lavoro. Labh indica i concetti dell’afferrare e del volgere il desiderio, la volontà, l’intento, l’opera a qualcuno o a qualcosa. è da qui che sono poi derivati anche il greco «lambàno» (afferro) e il tedesco «arbeiten» (lavorare). Lo spirito sente, la mente agogna un’idea, la mano la coglie e le dà forma plasmando la materia. Doveroso preludio, questo, necessario per cogliere l’anima di una delle tante camicerie famigliari italiane, distinta da una propria, netta personalità: la romana Teodori Lab. Nomen omen: i fratelli Teodori, Paolo e Simone, con il padre Maurizio, l’hanno battezzata così proprio per dare l’idea del laboratorio artigianale. La storia è recente: Maurizio Teodori fino al 2009 possedeva una bottega di pelletteria su misura, sempre a Roma. Il figlio Paolo aveva lavorato sin dall’età di 18 anni in varie camicerie, dove aveva appreso a tagliare e prendere le misure. Avvertendo la necessità di mettersi in proprio, optò per farlo insieme al genitore: così, nel gennaio 2010 decisero di investire in una camiceria su misura in via Plinio 9, nel rione Prati, frequentato da avvocati e liberi professionisti, una posizione strategica. Era il sogno comune, avveratosi inoltre in un momento nel quale entrambi percepivano un rinascente interesse per il su misura. In seguito Paolo perfezionò le proprie abilità frequentando un corso dell’Accademia nazionale dei sartori. Dopo cinque anni, l’azienda ha assunto l’attuale assetto con l’ingresso anche di suo fratello Simone.

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui