EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE
«Ex alto Fulgor»
storia della Folgore
Quella dei parà è una bandiera che porta nel mondo il volto migliore dell’Italia. Una storia recente che ha già fatto la Storia. Raccontata in un museo ricco di vita
DI Christian Benna - FOTO DI Stefano Triulzi
FOLGORE_ALTE_-003

Il colonnello Franco Merlino, già comandante del 183° reggimento Nembo di Pistoia, dal 2014 al comando del Capar.

Tempo medio di lettura: 1'

Nel grande libro d’Italia ci sono pagine che prendono luce nei giorni più bui della tempesta. Sono bagliori nella notte, vere e proprie scariche elettriche, particelle positive che al contatto con quelle negative dell’atmosfera riescono a scrivere capitoli inattesi della storia del Paese. E a lasciare una scia che dura per sempre. È ormai un tratto del carattere nazionale la capacità, quando si è feriti e messi all’angolo, di stupire, trovare soluzioni all’ultimo minuto, resistere, rialzare la testa. Diventare un esempio e un modello, anche per gli avversari. Molte di queste pagine del romanzo tricolore sono intinte nell’inchiostro della Folgore, l’unica grande unità aviotrasportata dell’Esercito Italiano, che deve il suo nome («ex alto fulgor») alla rapidità e alla flessibilità d’intervento, ma che fin dalle sue prime esperienze sul campo ha assunto anche i tratti di solidità e fermezza. Un punto fermo, tra i mutabili destini del Paese.

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui