EDITORIALE CATEGORIA NEWS BOCCIATI & PROMOSSI RUBRICHE EVENTI INVIA LE TUE STORIE

Tutto d'un tratto

100 anni

Fatturati raddoppiati, pennini fatti in-house e un catalogo ben dosato tra evergreen e rivisitazioni attuali. Quella di Aurora è una favola lunga più di un secolo. E tutta made in Italy

DI Alberto Gerosa
Tempo medio di lettura: 1'

REPORTAGE ALLA FABBRICA DI PENNE AURORA in foto Cesare Verona amministratore delegato Foto di Maurizio Bosio

Chi ama le penne stilografiche ha un’incurabile predisposizione alla nostalgia. Come potrebbe essere diversamente, in una congiuntura che ormai da anni vede la scrittura a pennino minacciata di estinzione più della tigre siberiana?

Non così con Aurora: nel caso dell’azienda di Torino il fatturato nel corso dell’ultimo quinquennio è raddoppiato (incredibile dictu!) e i ricordi si inscrivono ancora nel cerchio rassicurante della quotidianità. È ancora lì, all’indirizzo strada Abbadia di Stura 200, la fabbrica di Aurora, brand giunto nel 2019 al giro di boa dei suoi primi cent’anni, che ha festeggiato il 6 giugno in una serata a inviti il cui orario di partenza è stato fissato simbolicamente per le 19.19. Certo, i suoi spazi risultano decisamente sovradimensionati rispetto all’organico odierno e pertanto sono stati in buona parte rifunzionalizzati a centro per lo studio del segno e della scrittura.

Effettua il login per visualizzare l'articolo completo - clicca qui