Il cashmere, come una volta

Dic 10 2021

È un filo di cashmere dalla fibra più pregiata a unire lo stile milanese con quello umbro, creando l’inconfondibile identità della maglieria Bottegiani, suggerita a cominciare dal nome, in cui sono uniti i due mondi del marchio quello della Bottega e quello degli Artigiani.

Nata il 29 febbraio del 2020, Bottegiani crea prodotti di maglieria d’eccellenza, per l’uomo che ama lo stile classico, senza tempo, e che non può rinunciare all’alta qualità. L’obiettivo di Bottegiani non è vendere una maglia, ma fare in modo che il cliente pensi a lui ogni volta che vuole acquistarne una; una componente importante del valore dell’azienda è racchiusa nel prezzo accessibile dei suoi prodotti, accessibilità dovuta al canale di vendita esclusivamente online.
Il cuore della produzione si trova in Umbria, a Todi, dove sei mastri artigiani realizzano maglie con passione e metodo tradizionale, tramandando il proprio saper fare di generazione in generazione. I capi sono realizzati con le migliori filature italiane firmate Cariaggi, Loro Piana, Biagioli e quelle britanniche di Todd & Duncan: dal cashmere, alla lana super light, al cashmere e seta, alla seta pura, al cotone (in particolare il Giza 45).
«Sappiamo benissimo da dove proviene la materia prima, disponendo della tracciabilità del prodotto», racconta Luca Bernardi, uno dei soci alla guida dell’attività insieme al fratello Marcello, Lucia e Andrea Bonaccorsi e Giampaolo Martinelli. «Per Bottegiani è importante essere sostenibili in tutti i processi di lavorazione, dalla tosatura alla distribuzione del prodotto finale attraverso il nostro packaging plastic free. Il cashmere da noi selezionato è di altissima qualità», prosegue, «ovvero quello che presenta la fibra più lunga e chiara, dal colore bianco intenso. Il cashmere migliore proviene dagli altopiani della Cina, per quanto concerne il paese d’origine, poi viene interamente lavorato in Italia. Selezioniamo solo fornitori al top e che abbiano una produzione ecosostenibile. Con il Systema Naturae di Cariaggi, caratterizzato da un processo di tintura naturale slow (che utilizza una tecnica praticata in passato, che assicura come risultato finale una gamma colori unica, ispirata agli arazzi del ’500 e dai capolavori d’arte tessile) è nata una capsule di capi in cashmere i cui filati naturali sono soggetti a una tintura ecocompatibile ricavata da piante come il guado, la reseda e il robbio, creando tonalità azzurre, gialle e rosse». L’unicità delle maglie Bottegiani passa attraverso la selezione della materia prima e dai processi di lavorazione: «Partiamo sempre da un cashmere molto battuto, che assicura una maglia compatta e protetta dal peeling, effetto già ridotto dalla scelta di una materia prima di altissima qualità», spiega Bernardi che a proposito della morbidezza del cashmere spiega come questa caratteristica sia dettata dal desiderio del consumatore di indossare capi morbidi. «In realtà, infatti, il cashmere è ruvido, il grado di morbidezza è determinato in fase di lavaggio, ma più si rende morbido il capo e più c’è la possibilità che la fibra, stressata dai lavaggi, si rovini facilmente. Noi tendiamo a non stressare troppo il capo durante il primo lavaggio, così da garantire un prodotto resistente».


Oltre al pronto da indossare e agli accessori, il punto di forza di Bottegiani è il servizio su misura, attraverso il quale il cliente può creare la propria maglia: ha la possibilità di scegliere il colore tra i 30 proposti, il modello e opzioni di personalizzazione. Luca Bernardi racconta: «I capi su misura, sono prodotti relativamente semplici dal punto di vista della realizzazione (che richiede 15 giorni) e possono essere girocolli, maglie con scolli a V e dolcevita. La caratteristica dei nostri dolcevita è quella di essere realizzati a un filo, e il collo a due, in modo che risulti importante, per esempio sotto a una giacca. Girocollo e dolcevita possono essere a treccia; una parte del su misura è anche dedicata allo sportswear. Per il cliente questo servizio vince per l’ampia scelta dei colori e per la personalizzazione: per esempio può scegliere di avere l’intero del cappuccio di una felpa o la coulisse dei pantaloni di un colore differente da quello utilizzato per il resto del prodotto. Nel ready to wear realizziamo maglie complesse, che richiedono un processo di produzione elaborato, con più passaggi. Creiamo anche prodotti più leggeri, per esempio in cashmere seta o lana ultralight. I colori più gettonati sono il blu nelle sue tonalità (dal più scuro al denim), i grigi, quest’anno il verde, e nella collezione su misura abbiamo clienti che osano molto, per esempio con dolcevita fucsia o gialli. Per quanto concerne gli accessori, oltre a quelli già disponibili, Bottegiani proporrà una capsule di cappellini e sciarpe in colori coordinati, per genitori e figli, idea perfetta per un regalo di Natale, che aveva già ricevuto un ottimo riscontro dai clienti l’anno scorso. Significa regalare qualcosa di prezioso e speciale, che resta nel tempo».
Essenziale la cura del servizio offerto e del rapporto costruito con il cliente, in quanto: «Come artigiani vogliamo essere vicino ai nostri clienti, prima durante e dopo l’acquisto, perché ciò ci permette di creare un rapporto con loro, capire cosa desiderano e quindi cercare di proporre il prodotto che più li soddisfi e che li renda contenti del loro acquisto» (bottegiani.com).

[adrotate banner="7"]
Vestire
Iscriviti

Newsletter

Entra nel mondo di Arbiter: iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato e ricevere i contenuti in anteprima.