Arbiter apre le porte della redazione agli studenti

Grazie all'alternanza scuola-lavoro gli studenti del liceo classico Beccaria di Milano hanno sperimentato il mondo «alieno» di una redazione. Se volete partecipare anche voi con la vostra classe, fatevi avanti

DI Redazione
Tempo Medio Di Lettura: 3' 35''

20180305_151637

 

E’ un incontro di generazioni. Molti di loro ci hanno «confessato» di non aver mai acquistato un giornale in edicola. Noi della redazione abbiamo la possibilità di vivere una avventura stimolante confrontandoci con ragazzi curiosi e attenti. La collaborazione che abbiamo avviato da alcuni mesi con il liceo classico Beccaria di Milano rappresenta tutto questo: gruppi di studenti che, grazie all’esperienza di alternanza scuola-lavoro, possono sperimentare il mondo «alieno» di una redazione, la possibilità per noi di Arbiter di incontrare i lettori del presente e soprattutto del futuro. 

 

 

Niente professori e alunni, bandite le lunghe sessioni teoriche, dopo una breve introduzione su come si costruisce un giornale li abbiamo messi subito al lavoro! I ragazzi hanno curato la traduzione in latino dell’articolo di copertina che Arbiter pubblica ogni mese, hanno provato a gestire i nostri social network e a scrivere un pezzo, poi pubblicato, che parla della loro stessa esperienza in redazione.

 

Grazie al solo passaparola tra professori e ragazzi hanno cominciato ad arrivare in redazione lettere e e-mail di presidi di istituti e semplici studenti che sono rimasti impressionati da questa possibilità e che si sono candidati. Quindi vogliamo lanciare un appello ai professori di licei classici o scientifici: scrivete a info@arbiter.it se volete diventare collaboratori di Arbiter con i vostri studenti nella stesura della traduzione in latino di un nostro articolo, che poi verrà pubblicata sul giornale.

 

Troppo teoria e poca pratica nella scuola di oggi? Questa ci sembra una bella occasione per applicare le materie scolastiche al mondo del lavoro.

 

Unknown-4