Il seducente suono della Sinfonia dei motori di Villa d’Este

Prende il via il 24 maggio il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2019 a Cernobbio che celebra i 90 anni della manifestazione e i 90 anni di produzione d'auto BMW. Due ricorrenze che hanno portato alla realizzazione del nuovo trofeo per i vincitori Trofeo BMW Group

DI Enzo Rizzo
Tempo Medio Di Lettura: 6' 50''

Da sinistra, Danilo Zucchetti, Managing Director dell’Hotel Villa d’Este; Ulrich Knieps, Presidente del Concorso d’Eleganza Villa d’Este e Direttore di BMW Group Classic; Sergio Solero, Presidente e Amministratore Delegato di BMW Group Italia; Roberto Olivi, Direttore Relazioni Istituzionali e Comunicazione.

 

Belle da vedere e da ascoltare. Automobili e motociclette. Sì perché l’edizione 2019 del Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2019 che si svolge dal 24 al 26 a Cernobbio ha come tema «The Symphony of Engines – 90 Years of the Concorso d’Eleganza Villa d’Este & BMW Automobiles». Il sound seducente dei capolavori su due e quattro ruote sono la colonna sonora per le celebrazioni dei 90 anni sia del concorso sia della produzione di auto Bmw che proprio nel 1929 partecipò alla manifestazione dove le auto erano pressoché tutte di produzione italiana: allora non si parlava certo di auto vintage ma di quelle di domani tra prototipi e interpretazioni che guardavano al futuro. D’altra parte, Il futuro è di chi osa, ma è fondamentale mantenere il rapporto con la storia” ha spiegato il presidente e a.d. di BMW Italia, Sergio Solero.

 

Un suono che impone una serena riflessione e che magari tra qualche tempo resterà solo un ricordo vista la tendenza al silenzio della mobilità elettrica. Una musica che è perfettamente coerente con il luogo per la presentazione del concorso, ossia il Ridotto del Teatro alla Scala di Milano. Restando poi in tema di ricorrenze c’è anche quella dei 20 anni in cui il Gruppo Bmw si occupa del’organizzazione del concorso. Senza dimenticare il nuovo trofeo realizzato sfruttando il know-how dei diversi reparti Bmw e due concept del Gruppo tedesco che verrano svelati solo al concorso.

 

Cinquanta veicoli che hanno scritto la storia dell’auto da quest’anno partiranno tutti insieme per una parata dando il via al weekend dei veicoli classici. Ulrich Knieps, responsabile di BMW Classics, ha introdotto le otto categorie ognuna denominata a ritmo di musica: altra prima volta, già la lista delle auto in concorso: così, curiosando tra la lista ecco la classe F, «Baby You Can Drive My Car”. Musical Stars’ Cars», con la Bmw 507 di Elvis Presley, completamente restaurata da Bmw Classic che, farà bella mostra di sé su un gigantesco giradischi oppure l‘Aston Martin V8 Vantage del 1985 che fu di Elton John. 

 

La star di questa categoria, però, è sicuramente la celebre BMW 507 di Elvis Presley: completamente restaurata dalla casa dell’Elica, farà bella mostra di sé su un gigantesco giradischi. Oppure la H, “Daring to Dream, Concepts Which Rocked The Motoring World”, con dei prototipi come la Lamborghini Marzal di Bertone del 1967 corroborate da modelli attuali come la Bugatti Voiture Noirepresentata al Salone di Ginevra 2019 e pare già acquistata da Cristiano Ronaldo. Poi, visto che siamo in periodo di Mille Miglia, c’è anche la classe G dedicata ale competizioni, «Speeding Against The Clock: Endurance Racing Legends», con vetture protagoniste di gare di durata prodotte tra il 1949 e il 1966. Per le moto, invece, nella classe A, “Still in Action: Motorcycles More Than 100 Years Old”, figura il veicolo con maggiori primavere alle spalle del concorso: la Holcroft del 1901. Una sezione ad hoc poi è per le cinquantenni: «50 Years Ago: Trendsetters For Future Success», per i modelli commercializzati nel 1969.

 

A. Lange & Söhne Lange 1 Time Zone Como Edition

 

Dalla meccanica alla micromeccanica il passo è brevissimo: al Ridotto Toscanini è stato presentato anche l’orologio Lange 1 Time Zone Como Edition prodotto da A. Lange & Söhne, modello progettato in esclusiva per il vincitore del premio Best of Show, un’opera d’arte composta di 417 pezzi, realizzata a mano nell’arco di nove mesi.