Ospitalità italiana, esclusività maldiviana

IL Baglioni Resort Maldives inaugurato lo scorso 1° agosto coniunga il meglio del made in Italy nella location mozzafiato di Maagau, isola dell’atollo di Dhaalu che ospita questa struttura unica e controcorrente. Per vivere al meglio l’esperienza alle Maldive.

DI Enzo Rizzo
Tempo Medio Di Lettura: 18' 15''

Le due principali le conosciamo tutti, ma alle oltre 800 isole di cui dispone l’Italia nel Mediterraneo oggi se ne aggiunge un’altra, nell’Oceano Indiano però: Maagau, nell’atollo di Dhaalu, a 40 minuti di idrovolante dalla capitale  delle Maldive Malé. Qui prende vita, perfettamente integrata e rispettosa dell’ambiente, un’espressione di ospitalità made in Italy che eleva i canoni dell’eccellenza: il Baglioni Resort Maldives. Inaugurato ad agosto, è un resort con un’anima e una personalità ben precisi: «Siamo andati volutamente controcorrente», spiega Guido Polito, ceo Baglioni Hotels & Resorts. «Le ultime aperture alle Maldive hanno puntato sulla spettacolarizzazione del prodotto, con camere e ristoranti sott’acqua, noi invece abbiamo puntato tutto sulla bellezza della location, realizzando quindi una struttura che si integrasse nella natura, a basso impatto ambientale, e offrendo così al cliente la possibilità di vivere più all’aperto, di vivere più l’isola piuttosto che il resort, pur mantenendo alto il livello di attenzione e di cura nei suoi confronti attraverso il servizio».

Quella delle Maldive è una delle dieci strutture di Baglioni Hotels & Resorts, nata nel 1974 quando Roberto Polito, il papà di Guido, acquisisce la prima struttura, l’Hotel Cala del Porto in Toscana. Oggi la collezione di hotel e resort prevede sei strutture in Italia (Baglioni Hotel Carlton di Milano, Baglioni Hotel Luna di Venezia, Baglioni Relais Santa Croce di Firenze, Baglioni Resort Cala del Porto e Baglioni Resort Alleluja di Punta Ala in provincia di Grosseto, Baglioni Hotel Regina di Roma), una a Londra (Baglioni Hotel), due in Francia (Villa Gallici ad Aix-en-Provence e Hotel Le Saint Paul a Saint Paul de Vence) e una alle Maldive.

Una «specializzazione» italiana che ha consentito di portare all’estero il gusto, lo stile, la conoscenza del bello, i saperi, i sapori e l’empatia italiana fino alle paradisiache Maldive per un’ospitalità tricolore d’eccellenza. IL Baglioni Resort Maldives prevede 96 ville esclusive circondate da acque turchesi, sabbia bianca vellutata e natura tropicale. Spazi studiati nei dettagli, realizzati con un’attenzione ai dettagli tipicamente italiana e materiali e misure che garantiscono la massima eco sostenibilità ed efficienza valorizzando la straordinaria bellezza dell’ambiente naturale in cui sono immersi. Spazi funzionali dotati di tutti i comfort con arredi eleganti e sobri, per vivere un soggiorno indimenticabile firmato Baglioni Hotels, in compagnia della famiglia o degli amici, con un gusto italiano che si ritrova a 7.500 chilometri di distanza.

Ecco dunque un’offerta diversificata e personalizzata che spazia dalle Garden e Beach Villas di 65 mq, terrazzo di 22 mq e 30 mq di spiaggia privata (Beach) fino alla Presidential Water Villas di 360 mq interni, 310 mq esterni e piscina privata.

Il design è semplice ed elegante, i toni dominanti sono quelli della natura, il blu del mare e il bianco-beige della sabbia. La mattina il risveglio è con vista sull’Oceano Indiano: «Le camere hanno ampie vetrate che affacciano direttamente sulla spiaggia e sul blu del mare», spiega Polito. «Se qualcuno ha voglia di fare una passeggiata proprio in quel momento, la privacy viene un po’ meno, ma basta tirare la tenda. Abbiamo voluto giocare sul doppio sentimento che questo tipo di sistemazione suscita nei clienti: il primo giorno sono perplessi, ma poi non possono più rinunciare all’emozione di rivedere il mare dalla loro villa». A proposito di splendide acque: un’altra caratteristica distintiva del resort è quella di «aver previsto le piscine private solo per 20 ville, soprattutto per soddisfare i clienti del Middle East e dell’Estremo Oriente che la vogliono» tiene a precisare il ceo di Baglioni Hotels & Resorts. Del resto, l’isola di Maagau, 6 ettari di terra, ha spiagge a 360 gradi, offre la possibilità di fare snorkeling e ha un house reef che scende a 40 metri, un paradiso per chi fa diving, anche per la prima volta.

Italianità fa poi rima con buon gusto ma anche con buoni gusti: al ristorante Gusto (sono presenti anche uno giapponese e uno internazionale) sono proposte ricette della tradizione mediterranea, da accompagnare a etichette di vini italiani come per esempio le bollicine Ferrari che si trovano anche per l’aperitivo presso il Pool Bar. Segni tangibili di made in Italy che trovano riscontro anche nella Spa, un tempio di bellezza, relax e benessere con trattamenti ispirati alla tradizione maldiviana, con i cosmetici Insìum, oppure nelle villa con lenzuola e asciugamani Frette o ancora con gli arredi Cassina. Una quota importante di italianità è poi presente anche nello staff: direttamente dal Bel Paese direttore, chef, pizzaiolo, responsabile del centro diving che dà accesso ad alcuni dei migliori siti di immersione al mondo. Sopra o sott’acqua è tutto un mondo meraviglioso alle Maldive del Baglioni Resort che porta con sé un altro pezzo di mondo meraviglioso. Quello del made in Italy.