Provato per voi: Sartoria Rubinacci a Napoli

Mar 31 2017
S i definisce così Mariano Rubinacci, che garantisce una personalizzazione estrema ai clienti. Perché per lui l’abito è di chi lo porta, non di chi lo fa

Esistono due soggetti in grado di produrre un abito su misura. Il primo è il sarto, maestro artigiano che esercita l’arte a proprio modo e così la trasmette agli apprendisti. Il secondo è la sartoria, impresa il cui leader non realizza i capi in prima persona. Non di rado è in grado di tagliarli, quasi mai di cucirli e completarli, comunque la faccenda non è di sua competenza. La bottega del sarto, fondata sul dominio del mestiere, ha l’assetto di un cerchio la cui circonferenza varia di caso in caso. Anche quando è molto ampia, al centro resta sempre un solo uomo che suddivide tra i propri collaboratori un lavoro che sarebbe in grado di compiere in prima persona e dalla prima all’ultima fase.

La sartoria, invece, parte da un capitale cui affianca altre tre componenti: gusto, relazioni e capacità imprenditoriali. Ne deriva una struttura piramidale, al cui vertice c’è un capitano d’azienda che assume personale specializzato e lo governa. I suoi sarti agiscono come professionisti, non come maestri, perché seguono direttive che lasciano loro un margine di discrezionalità sui procedimenti tecnici, non sulle scelte stilistiche.

Vestire
Iscriviti

Newsletter

Entra nel mondo di Arbiter: iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato e ricevere i contenuti in anteprima.